Photography

A winter’s tale

21 dicembre 2016

Maschere di legno o facce dipinte di nero, vecchie camicie indossate sopra vecchi maglioni di lana; calze bucate usate come guanti, pizzi e merletti che diventano abbellimenti del vestito, collane di perle, cappelli di fiori, tovaglie e strofinacci trasformati in foulard, sacchi di juta a fare da pantaloni, pesanti campanacci attaccati alla cintura per farsi sentire o ombrellini e sgargianti bastoni per farsi notare. Più o meno così si presentano i protagonisti del carnevale di Schignano, una piccola comunità situata sulle montagne sopra il lago di Como, al confine con la Svizzera, fotografati da Mattia Vacca per il progetto, diventato anche un libro, A Winter’s Tale.
Un carnevale che non è fatto di musica a tutto volume, carri, stelle filanti, parrucche e travestimenti un po’ kitsch ma è uno spettacolo più ancestrale, arcaico, popolare, ricco di allegorie e simboli, che rappresenta la “lotta” a suon di battute (esclusivamente in dialetto) tra chi nella vita è riuscito a diventare qualcuno (il beii) e chi, al contrario, è costretto a vivere di pastorizia, agricoltura o ad emigrare per mantenere la famiglia (il brut).
Un reportage che non si è fermato alla piazza e al momento della festa ma che è riuscito ad andare oltre, fotografando l’intimità di una comunità notoriamente chiusa, entrando nelle case dei protagonisti, per osservare e fotografare i preparativi, il momento della vestizione, il bicchiere di vino o di grappa bevuto insieme forse per scaldarsi o forse per scaramanzia.

Wooden masks, faces painted in black, old shirts and wool sweaters, socks with holes used as gloves, laces decorating the dress, pearl necklaces, flower hats, tablecloths and rags used as scarfs, jute sacks used as trousers, small bells and loud parasols to be heard and seen: these are the charachters of Schignano’s Carnival, a small community that lives in the mountains above the lake of Como, near Switzerland’s border. Mattia Vacca has photographed them for his project A Winter’s Tale, now a book.
This is not a Carnival with loud music, floats, paper streamers, wigs and so on; it’s an ancestral, archaic and popular ceremony, full of allegories and symbols, representing the struggle between those who succeded in life (il beii) and those who must works as farmers or leave the town to support their family (il brut).
Mattia Vacca was able to enter the intimacy of this closed community and the houses of the people while preparing for the ceremony, sharing a glass of wine or grappa to warm up or maybe just for superstition.

Author: Mattia Vacca / Publisher: Delicious Editions / Italian and english edition / ISBN: 9788894004106 / 112 pages / €40.00

Have a look at this too!